Educazione e Tecnologia

Educazione e Tecnologia

07 Ottobre 2016

Gli studenti che in questi giorni iniziano i corsi universitari hanno interagito con la tecnologia fin da giovanissimi e ciò ha inevitabilmente formato il loro modo di raccogliere informazioni, di comunicare e di esprimersi. La cosidetta Generazione Z, oppure detta Post-Millennials, è caratterizzata da una spiccata familiarità e da un utilizzo quotidiano delle tecnologie digitali e per la comunicazione con le quali sono cresciuti. Questi “nativi digitali” si trovano a confrontarsi però nel campo dell’istruzione con un aspetto della società, parlando a riguardo della realtà italiana, che è molto conservatore. Il modo in cui gli studenti imparano è rimasto ancorato al passato.

Come può un sistema educativo riuscire ad accogliere adeguatamente le nuove matricole? L’ambito universitario, il quale dovrebbe preparare all’ingresso nell’ambito lavorativo, ha necessità di aggiornarsi. Infatti il mondo del lavoro contemporaneo chiede diverse competenze in ambito comunicativo ed inoltre l’uso quotidiano della tecnologia. Appunto perchè l’esigenza di “far parlare” la tecnologia con l’educazione è diventato un tema significativo e non più trascurabile sono nati diversi indirizzi e corsi di studio legati a queste tematica. Questo cambiamento verso un’educazione che riduce le distanze con i nativi digitali, il quale darebbe un’ulteriore spinta allo stesso sviluppo tecnologico, deve partire dall’innovazione degli spazi dove si svolgono le attività educative. Dato che le università, i centri di ricerca, di studio e le scuole di alta formazione puntano all’eccellenza ed al livello più alto dell’educazione sarebbe importante che si dotassero di ambienti innovativi, cioè spazi dove sono presenti tecnologie e strumenti per la comunicazione adatti a rendere gli studenti più partecipativi alle lezioni

Il cambiamento verso un sistema educativo che riduce le distanze con i nativi digitali, il quale darebbe un’ulteriore spinta allo stesso sviluppo tecnologico, deve partire dall' ammodernamento degli spazi dove si svolgono le attività di formazione.

Come si può riuscire in questo intento? Ormai sono presenti diversi prodotti che possono soddisfare questo bisogno di rinnovamento ed evoluzione nel sistema educativo.Basta pensare alle lavagne LIM Triumph Board, o i monitor di tipo touch iiyama, che sono interattivi e sono proposti in diverse dimensioni e soluzioni per ogni tipo di ambiente in cui devono essere inseriti. In particolare i prodotti iiyama , disponibili in diverse dimensioni , hanno un sensore molto sensibile che rileva il tocco umano sulla loro superficie, fino a dieci tocchi, ed oltre possedere un’ottima definizione di immagine sono decisamente adatti per delle presentazioni interattive.

Ad un livello superiore vi sono gli schermi Projecta i quali danno la possibilità di avere a disposizione una superficie di proiezione costruita con materiale di ottima qualità, dove far scorrere video di informazione, slides di accompagnamento alla lezione del docente ed altri contenuti visivi ad al massimo livello di risoluzione ottica e prestazione. Anche i videoproiettori utilizzati nelle proiezioni dovrebbero essere acquistati tenendo presente i seguenti fattori: il tipo di luce presente negli ambienti in cui vengono inseriti e la qualità del prodotto in modo che rispetti il livello di risoluzione di immagine dei contenuti inviati dal dispositivo sullo schermo di proiezione.

Uno degli ultimi prodotti che è stato studiato appositamente per venire incontro alle esigenze di centri di alta formazione è la cattedra TeachPoint2. Questo prodotto si presenta in due versioni: Single per classi e sale riunioni e Dual per auditorium ed in generale ampi spazi. TeachPoint2 è altamente personalizzabile sia nell’aspetto che nella dotazione. Quando si chiude può sembrare la classica cattedra in stile contemporaneo, ma l’innovazione non si trova solo nel design del prodotto. E’ possibile infatti aprire il piano di appoggio per utilizzarlo come spazio destinato ad un computer (schermo e tastiera a vista) e ad una tavoletta per proiettare le dimostrazioni in tempo reale dei docenti. In questo ripiano possono essere inseriti dei pozzetti personalizzabili con diversi frutti che permettono di collegare ulteriori dispositivi.

Concludendo con le nuove tecnologie per la comunicazione si possono trovare differenti possibilità e soluzioni per creare un ambiente educativo maggiormente innovativo, adeguato alle competenze degli studenti delle nuove generazioni ed inoltre competitivo a livello internazionale con altri centri di alta formazione ed universitari.

Vedi anche...

Richiedi informazioni