Connessioni DVI HDMIDVI (Digital Visual Interface) è un’interfaccia di connessione per la trasmissione di segnali video (digitali). Le sue origini provengono dall’industria dei PC. Con l’introduzione dei monitor LCD a schermo piatto, era richiesta un’interfaccia per la trasmissione diretta senza conversioni dei segnali digitali del PC al monitor LCD digitale. I principali produttori di PC hanno concordato lo standard DVI e nel 1999 sono arrivate sul mercato le prime interfacce DVI.

DVI utilizza lo standard TMDS (Transition Minimized Differential Signaling) per la trasmissione di dati digitali. Per la trasmissione di dati analogici, il connettore DVI utilizza lo stesso segnale VGA. Questo rende DVI un cosiddetto standard plug-and-play. La scheda grafica rileva automaticamente se il monitor/proiettore funziona in analogico o in digitale adattando il segnale di conseguenza.

Differenze nei connettori

Nel caso di connessioni DVI è necessario distinguere tra single link e dual link. Con Single Link è possibile una semplice connessione TMDS fino a un massimo di 3,7 Gbit/s – questo è sufficiente fino a risoluzioni WUXGA (1.920×1.200 a 60Hz). Una connessione dual link può stabilire due connessioni TMDS e fornire il doppio della velocità di trasmissione dei dati – ciò consente anche risoluzioni più elevate fino ad esempio WQXGA (2.560×1.600 a 60Hz).

Viene inoltre fatta una distinzione tra DVI-D, DVI-A e DVI-I. DVI-D supporta solo segnali digitali. DVI-A ha solo i pin analogici ed è utilizzato principalmente per collegare DVI a VGA. DVI-I supporta trasmissioni di dati sia digitali che analogiche.

Inoltre, la connessione DVI dovrebbe indicare se HDCP (High Bandwidth Digital Content Protection) è supportato. HDCP è una protezione dalla copia dei contenuti su supporti digitali (CD, DVD, Piattaforme Streaming, ecc.). Se la connessione DVI non supporta HDCP, il monitor o il proiettore rimane nero o mostra solo il rumore dell’immagine durante la riproduzione di contenuti protetti da copia.

Collegamento di DVI e HDMI

DVI e HDMI utilizzano lo stesso standard TMDS. Ciò significa che una connessione tramite un adattatore o un cavo DVI-HDMI di solito non è un problema.

La connessione da una sorgente DVI (es. PC) a un dispositivo HDMI (es. display) non è un problema, l’importante è che non si tratti di una connessione DVI-A.

In linea di principio, una sorgente HDMI può essere collegata anche a un dispositivo DVI. Ci sono solo due cose da notare qui: le informazioni audio dalla sorgente HDMI vengono perse e la connessione DVI deve supportare HDCP per la trasmissione di dati protetti da copia.

Problemi con il cablaggio DVI

Il cablaggio DVI è principalmente limitato in termini di distanza/lunghezza del cavo. A seconda della qualità del cavo e del dispositivo finale, con DVI è possibile una lunghezza massima di 20 m. Amplificatori di segnale – o meglio ancora – cavi CAT5 o in fibra devono essere utilizzati per tratte più lunghe.

Anche la distribuzione del segnale con DVI non è così facile. Mentre i segnali in ingresso possono essere semplicemente raddoppiati e distribuiti su due uscite con segnali analogici, con DVI è necessario utilizzare distributori più complessi/costosi.