La maggior parte dei proiettori DLP® venduti nel mondo si basano sull’architettura a singolo pannello DMD: la luce bianca proveniente dalla lampada è sempre irradiata attraverso una ruota girevole composta da diversi segmenti colorati (di solito rosso-verde-blu-bianco); la luce viene colorata in sequenza, e una volta che si trova dall’altro lato della ruota, va quindi a colpire il chip DLP®. Esso è formato da migliaia di micro-specchi (uno specchio corrisponde a un pixel, ad esempio un chip con risoluzione XGA sarà formato da 1024×768 specchi), ciascuno dei quali indirizza la luce colorata dal chip attraverso una lente sullo schermo per proiezione. Attraverso un’inclinazione estremamente veloce dello specchio, si possono generare anche fino a 1024 livelli di luminosità.
Grazie alla velocità di rotazione della ruota colore e all’inerzia dell’occhio umano, le immagini parziali vengono aggiunte l’una dopo l’altra offrendo così l’immagine completa e colorata.

Conosci già il DLP® a 3 chip?

Devi acquistare un videoproiettore? Contattaci e scopri la nostra offerta